Ancora sui siti delle agenzie immobiliari

Torniamo su un vecchio argomento ma sempre attuale: come deve essere un sito immobiliare efficace. Innanzi tutto, limitiamo il caso alle sole agenzie immobiliari, con buona pace delle imprese di costruzioni, di sviluppo immobiliare e di tutte le altre figure che ruotano attorno al real estate.

Torniamo sull’argomento perché ne abbiamo parlato molto l’anno scorso e anche il Sole 24 Ore aveva dedicato un lungo articolo intervistando noi di immobiliare.com.

Facciamo(ci) tre domande per capire come dovrebbe essere fatto un sito.

 

A cosa serve il sito?

Secondo molti il sito serve a vendere gli immobili. Secondo noi serve innanzitutto a vendere l’agenzia nei confronti dei potenziali acquirenti e dei potenziali venditori. Soprattutto in certi mercati ed aree geografiche è infatti impossibile fare concorrenza con il proprio sito ai portali e agli aggregatori. Quindi tanto vale lavorare bene su questi canali per la commercializzazione degli immobili e usare il proprio sito per creare brand awareness, brand reputation e personal branding. Ovviamente il sito può essere l’occasione per approfondire i propri immobili in portafoglio. L’importante è ricordarsi che gli immobili passano, l’agenzia resta!

 

Chi sono gli utenti del sito?

Molti pensano che gli utenti di un sito di un’agenzia immobiliare siano solo i potenziali acquirenti. Ecco perché concepiscono il sito stesso come un portalino basato solo su annunci.

Siamo sicuri che sia così? Analytics può dare delle risposte in merito. Per esempio, se la sorgente di traffico diretta o basata sulla ricerca del nome dell’agenzia è molto alta, è più probabile che l’utente voglia informazioni sull’agenzia stessa piuttosto che su un immobile. In questo caso è sbagliato puntare tutto sugli immobili.

 

Cosa fa l’agenzia proprietaria del sito?

Questa è la domanda più terribile, perché molti agenti non sanno cosa fanno. Perché un venditore dovrebbe scegliere quell’agenzia piuttosto che un’altra? Se esiste un motivo, allora quel motivo va scritto a caratteri cubitali sulla home page. Altro che immobili!

Così come pure, perché un venditore dovrebbe pagare una commissione per una casa che ha trovato su internet (tramite google o portali non importa)? Se non c’è altro motivo se non “perché io ho l’esclusiva!”, allora si tratta di un’estorsione. Se invece ci sono altri motivi, allora anche questi vanno scritti in caratteri cubitali sul sito.

 

In conclusione chi pensa che il sito di un’agenzia immobiliare debba essere solo un elenco di immobili, ha un’idea distorta dell’attività di agente immobiliare ma poco importa. E’ più grave se è un agente immobiliare a credere che il suo lavoro consista nel vendere gli immobili.

 

Antonio Rainò per Immobiliare.com
Twitter: mktgimmobiliare
Google Plus: google.com/+AntonioRaino

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail