Come valutare l'efficacia delle tue e-mail

MouseL’e-mail marketing è ancora uno strumento di promozione efficace, anche per chi lavora nel settore immobiliare.
È infatti molto veloce, meno costoso del tradizionale marketing cartaceo e, se svolto bene, può avere un ritorno sull’investimento molto alto.
Inoltre, è molto facile da monitorare ed è facile capire se la campagna ha portato buoni risultati oppure se e dove è possibile migliorare.
Ma quali sono i principali fattori da tenere d’occhio per verificare l’efficacia di una campagna? Vediamoli insieme.

Database

Fondamentale è avere un database di indirizzi reali e di qualità cui inviare la campagna.
Per capire se un database è pulito ci sono due possibili valori da analizzare:

  • Bounce rate: Numero di e-mail non consegnate / numero di e-mail spedite x 100
  • Delivery Rate: Numero di e-mail consegnate / numero di e-mail spedite x 100

Più il bounce rate è basso o, equivalentemente, più il delivery rate è alto, e migliore è la qualità del database.

Aperture

L’apertura di una mail è fortemente influenzata dall’oggetto, che deve essere breve e accattivante, e dal mittente, che deve essere facilmente riconoscibile e dare sicurezza.
Varia molto in base al settore della campagna (B2B o B2C) e se si tratta di una comunicazione periodica (Newsletter cui gli utenti si sono iscritti) o di una campagna pubblicitaria.
Per capire se il messaggio è stato effettivamente visto, si considera il seguente valore:

  • Open rate: Numero di e-mail aperte / totale di e-mail spedite x 100

Più è alto e più l’oggetto e il mittente che abbiamo scelto si sono rivelati efficaci.

Clic

Se la mail è ben costruita, è interessante ed ha call-to-action chiare, invoglierà gli utenti a cliccare. Per capire se il messaggio è stato efficace bisogna calcolare:

  • Click-to-open rate: Totale di e-mail cliccate / totale di e-mail aperte x 100

Più e alto, e più il messaggio è stato ben costruito. Molto utile è anche un’analisi dei clic che sono stati fatti all’interno della mail per capire quali sono stati gli elementi che hanno maggiormente catturato l’attenzione.

Francesca Lorenzoni per Immobiliare.com

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail