Il consulente finanziario nell’agenzia immobiliare

Il-Consulente-Finanziario-Indipendente-370x230

Abbiamo già parlato più volte delle figure professionali con le quali l’agenzia immobiliare dovrebbe tenere costanti rapporti, sarebbe bene che l’agente potesse rassicurare il cliente sollevandolo da tutte le incombenze, da quelle più pratiche a quelle tecniche o burocratiche, ma questo è fattibile solo se l’agenzia ha a disposizione i professionisti che occorrono, architetti, geometri, ingegneri, ditte edili, idraulici, elettricisti ecc. sarebbe opportuno anche che stringessero rapporti con avvocati e notai, così da rivolgersi sempre agli stessi, crearsi una rete di conoscenze, quando ci si conosce , si impara il metodo di lavoro reciproco, l’intendersi è più facile e fluido.

L’agenzia dovrebbe occuparsi anche di consulenza e quindi avere tutte le risposte senza far attendere tempi troppo lunghi, dovrebbe toccare tutti gli annessi e connessi della compravendita, occuparsi della ristrutturazione, dovrebbe avere a disposizione personale adeguato che ascolta il cliente e comprende ciò che egli vuole, dopo di che, affidare ad ogni professionista il proprio compito.

Una delle figure che l’agenzia dovrebbe avere a propria disposizione è quella del consulente finanziario o un mediatore creditizio.

L’agenzia dovrebbe essere in grado di presentare la pianificazione di un mutuo adatto al cliente che le si è rivolto, tali figure conoscono svariati istituti bancari e i loro sistemi, le loro preferenze, le loro clientele, sanno a quale banca è meglio rivolgersi in ogni specifico caso, sono conosciute, è il loro mestiere, è ovvio che siano più considerate del cliente stesso che si presenta ignorando il settore, e sentendosi magari a disagio a dover discutere di argomenti ad esso del tutto sconosciuti.

L’esperienza di un consulente o di un mediatore potrà indicare al cliente cosa chiedere e come farlo per avere più opportunità per una risposta positiva, può ottenere condizioni più vantaggiose di quelle proposte al grande pubblico allo sportello, collaborando spesso con grandi aziende ottengono dalle banche la giusta attenzione, in quanto portano loro continuamente nuova clientela e creano di anno in anno un consistente movimento favorevole per gli istituti di credito che sono quindi solitamente ben disposti nei loro confronti.

Certamente anche in questo campo come in tutti, esistono i ciarlatani, di solito sono quelli che propongono di falsificare la documentazione reddituale, rendendo così più facile la proposta del mutuo, ovviamente si tratta di truffa e occorre stare molto attenti, ma l’agenzia dovrà fare le proprie ricerche, il professionista qualificato e fidato intanto avrà già operato e lasciato dietro di se una scia di serietà, si possono creare contatti con le banche con le quali opera, e sentire il loro parere, la sua competenza sarà riscontrabile già da un primo colloquio, al quale ne seguiranno altri, nei quali si entrerà sempre più nei dettagli, un professionista che si rispetti non chiede anticipi su una trattativa in corso, ma solo nel momento in cui la banca approva in forma scritta l’operazione, solitamente la provvigione si consolida nell’1/2% dell’importo dato in concessione.

Quando si sarà trovato il professionista giusto però sicuramente le vendite avranno più possibilità di riuscita,molte infatti vanno in fumo proprio a causa dell’inadeguato intendimento tra cliente ed istituto di credito.

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail