La Legge di Stabilità per l’immobiliare

Tutti ne parlano, anche per quest’anno, con l’approvazione di molti, è stata riconfermata la Legge di Stabilità 2017 accompagnata dai suoi benefit e le agevolazioni fiscali delle quali si è potuto godere anche nel 2016. Osserviamola in campo immobiliare per vedere cosa è cambiato e cosa è rimasto come l’anno scorso.

L’ambiente è ancora in prima linea, tema che acquisisce sempre più importanza, e si offrono incentivi per rispettarlo al meglio palesando quello che sembra essere il bonus, o meglio eco-bonus, principale, non cumulabile con altri, sia per chi effettua modifiche in casa indipendente sia per chi vive gli appartamenti in condominio. Trasformare la propria abitazione in una casa il più passivo possibile premia.

Le modifiche e le ristrutturazioni edili infatti, presenteranno tutte quelle manutenzioni, sia ordinarie che straordinarie, atte a conferire alla casa un aspetto, ma anche un funzionamento, più ecologico e sostenibile come l’usufruire di energie alternative e rinnovabili ed evitare gli sprechi, sia per un fattore di risparmio, che per diminuire il danno ambientale grazie al riuso. La sostenibilità è la vera protagonista di una nuova economia circolare che riguarda anche gli immobili ma questo non è tutto.

Un tasto importante e fondamentale è quello degli adeguamenti contro le scosse di terremoto. Le norme antisismiche prevedono infatti, attraverso il così chiamato sisma-bonus, grandi cambiamenti in questo settore, e soprattutto in questo periodo, agevolando chi se ne occupa con valori di detrazione che vanno dal 50% fino all’80%.

Anche l’acquisto di nuovi mobili prevede delle agevolazioni inerenti ad una spesa massima di dieci mila euro; arredare la propria casa e comprare grandi elettrodomestici, di Classe Energetica A+, a basso impatto ambientale, permetterà detrazioni pari al 50% come per quello che riguarda le detrazioni Irpef, sia per i proprietari che per gli inquilini in affitto.

L’importante sarà pagare attraverso bonifico bancario o postale informandosi comunque, causa eccezione, presso gli enti interessati.

Più alte invece le detrazioni per chi dell’immobile vuole farne un’attività, tipo albergo o agriturismo. In questo caso si arriva fino al 65% di spese detratte e gli stessi incentivi saranno in vigore fino a tutto il 2018.

Si riconosce una detrazione anche per chi vuole acquistare casa e desidera affidarsi ad un’Agenzia Immobiliare o ad un intermediatore immobiliare. L’assistenza della quale si può godere, secondo l’Agenzia delle Entrate, è detraibile anche se solo fino al 19% soprattutto acquisendo per poi adibire ad abitazione principale.

Si potrà godere naturalmente di tutte le agevolazioni entro il 31 dicembre 2017.

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail