Mercato immobiliare: il sole brilla al Mezzogiorno

bel-tempo-3bmeteo-73031

Sta andando bene anche il Sud Italia che è ripartito alla grande in questo periodo di risalita in ambito immobiliare.

Le città meridionali dello Stivale infatti, isole comprese soprattutto per quello che riguarda la Sicilia, stanno dichiarando dati molto buoni in special modo ad Avvellino, Enna, Agrigento, Matera e Siracusa. Si hanno richieste in aumento e i prezzi sono stabili dove, ad acquistare, sono soprattutto famiglie che comprano la prima casa. Un vivace traffico anche per quello che riguarda gli affitti nettamente più bassi che al Nord.

Nel Nord invece, migliorato anch’esso sicuramente, il fenomeno è mosso prevalentemente dai giovani studenti e, le città universitarie come Padova, Milano, Venezia e Bologna si ritrovano così in cima alla classifica. Gli unici dati negativi arrivano da Genova, probabilmente Superba di nome e di fatto, che prova a vendere gli immobili a prezzi davvero troppo alti ottenendo ben poco riscontro.

A chi parla quindi di “risalita faticosa” c’è chi risponde che così ripida e irta d’insidie non è, almeno per quello che sta accadendo nel Mezzogiorno anzi c’è persin chi risponde affermando che questo mercato è pronto ad accelerare.

A concretizzare questo aspetto non ci sono però soltanto gli immobili appartenenti alla categoria residenziale. Hotel e alberghi infatti sono tra i primi edifici ad essere in vendita e ad essere di conseguenza acquistati. Questo perché si crede in una maggior affluenza anche turistica e quindi inerente a tutta l’economia del Meridione ove occorre prepararsi al meglio e farsi trovare pronti soprattutto per l’estate del 2017.

Un incremento di queste operazioni che non si era mai visto prima e che, per l’opinione degli esperti, durerà come minimo ancora due o tre anni.

E mentre c’è chi si preoccupa a causa delle emigranti famiglie verso il Nord o nuove nazioni, lasciando così vuoto più del 20% delle case meridionali soprattutto per quel che riguarda Caserta, Benevento e la stessa Avellino, protagonista di diversi dati ultimamente nel palcoscenico italiano, c’è chi risponde che quelle case si venderanno o si affitteranno senza alcuna difficoltà.

In tutta Italia si contano, secondo le statistiche di – Solo Affitti -, una delle maggiori e specializzate reti immobiliare nella locazione, sette milioni di case vuote e, di queste, il 23% circa solo nel Sud.

A causa di questo, nonostante il fiorente mercato, si chiede ulteriore chiarezza nei confronti dei progetti governativi e più agevolazioni fiscali soprattutto per non rischiare di far decadere i vecchi centri, anche dell’entroterra, ricchezza e patrimonio del luogo. La preoccupazione verso questo tema arriva per via delle analisi dell’ISTAT che asseriscono una diminuzione drastica degli abitanti entro il 2050. Un fenomeno che vedrà addirittura zone, come l’Irpinia, il Cilento e altre del Meridione, quasi completamente disabitate in futuro.

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail