Stampanti 3D e mondo immobiliare

stampante-3d-per-costruire-case

L’evoluzione della stampa è arrivata al 3D, cosa significa?

Una stampante 3D rappresenta la tecnologia avanzata, con questo apparecchio è possibile creare oggetti dal nulla con l’utilizzo di una vasta gamma di materiali.

Sembra fantascienza ma non lo è, è tutto vero, grazie ad un programma di modellazione 3D, la nuova stampante permette di realizzare elementi tridimensionali, anche dalle forme più complesse, praticamente prende un modello dal computer e ricrea, porzione per porzione, la figura solida.

Si tratta di un’innovazione di un’importanza estrema, ma chissà perché la diffusione sta andando a rilento, malgrado il costo del congegno vada sempre più diminuendo, e si sia ormai reso accessibile anche a piccole o medie imprese.

Gli oggetti creabili sono praticamente infiniti, dalle protesi ossee ai componenti per velivoli, gioielli, particolari architettonici ecc.

Non si capisce bene il fenomeno del rallentamento riguardo la larga espansione di tale realtà, alcuni esperti affermano che tutto ciò non sarà possibile prima di 25 anni almeno, altri dicono ne occorrano solo cinque, intanto i tecnici della società cinese WinSun hanno già realizzato il primo edificio in 3D, si trova a Dubai, ha una superficie di 250 metri quadri ed è stato costruito in 17 giorni, con una riduzione dei costi stimata dal 50% all’80%.

Il Comitato nazionale per l’innovazione degli Emirati Arabi si è ripromesso che entro il 2030 il 25% dei nuovi edifici dello Stato sarà costruito in questo modo.

Questo fantastico progetto porterebbe anche nel nostro Paese meno costi di manodopera, meno materiale di scarto, tempi brevissimi per la realizzazione, ognuno potrebbe dar sfogo al proprio sogno e avere l’abitazione che gli occorre e come gli occorre, libero sfogo alla fantasia e alla creatività, immediato recupero delle abitazioni per le persone colpite da calamità naturali, e molte altre agevolazioni fino ad ora impensabili.

Forse non è ancora possibile la realizzazione con materiali come legno, acciaio, o pietra, forse presto lo sarà, ma intanto è italiana la più grande stampante 3D per realizzare case in argilla, materiale naturale, atossico, resistente al fuoco e al tempo, l’azienda Wasp, Massa Lombarda, Ravenna, ha creato Big Delta, un hardware di 12 metri, installato nel Parco Tecnologico di Wasp, che fa intravedere grandi potenzialità, l’inaugurazione si è tenuta nel settembre del 2015.

Il nuovo obiettivo è la Maker Economy, un modello in cui tutto potrebbe essere autoprodotto e libererebbe dall’asservimento al monopolio produttivo.

Tutto ciò può sembrare un sogno, in verità è la realtà che la tecnologia ci porterà presto a sperimentare, alla fine si rivelerà molto più difficile crederci che realizzare.

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail