Trade marketing immobiliare: l’esperienza “Porte Aperte” di Staged Homes

Porte Aperte con Staged Homes

Prima dell’avvento su larga scala di internet i clienti delle agenzie immobiliari si recavano giocoforza in ufficio per visionare gli annunci più interessanti ed appetibili.
Internet ha cambiato giustamente le regole del gioco, tanto che molti utenti si recano in agenzia solo dopo aver fatto una scrematura a monte per quanto concerne gli alloggi di interesse.
Resta comunque importante e decisiva la necessità di portare gente in agenzia, a prescindere, organizzando eventi dedicati.
Il trade marketing immobiliare esiste, non è frutto di una “boutade”. Molte aziende immobiliari si affidano agli eventi per fare business, inserendo nei loro piani di marketing integrato anche questo aspetto.
Allora vediamo un interessante esempio di evento “trade” organizzato dall’associazione “Staged Homes”, Associazione Italiana Home Stager.

Uno dei primi organizzati in Italia, sul modello degli “open day” RE/MAX, si è tenuto a fine luglio nel punto vendita Grimaldi Argentario.

Sono stati invitati professionisti che hanno spiegato agli oltre 50 clienti presenti (!) le tecniche di home staging.

Il titolare dell’agenzia Grimaldi, Antonello Careddu, si è dichiarato alquanto soddisfatto: “Dopo aver frequentato il corso di Staged Homes a Napoli, ho capito subito come i miei clienti potessero beneficiare dell’Home Staging. Volevo introdurre nuovi argomenti che potessero creare il “ Wow factor”. L’associazione mi ha fornito di tutto il supporto necessario per organizzare l’evento: e-mail, marketing boards, presentazioni etc. E’ stato bello vedere l’ufficio pieno di clienti che discutevano a proposito dei vantaggi dell’Home Staging e su come superare la crisi del mercato immobiliare.”

Rodolfo Pegan – Home Stager associato – aggiunge:: “Durante la serata l’agenzia era piena di persone mentre l’agenzia immobiliare a fianco aveva già chiuso – la presentazione dell’ Home Staging ha stimolato i clienti a riflettere su come poter presentare al meglio la propria casa.”

Non si può non citare Amy Lentini – Presidente dell’Associazione Italiana Home Stager, che abbiamo intervistato qualche tempo fa per Immobiliare.com: “Ad inizio serata, i clienti presenti all’incontro erano convinti che le proprie case fossero già perfette senza l’aiuto di un Home Stager, solamente dopo aver visto le presentazioni con le foto prima e dopo, si sono resi conto di quanto in realtà le proprie case fossero buie e disordinate; realizzando di aver appreso qualcosa di nuovo.”

L’Home Staging, utilizzato negli USA da oltre 30 anni, non è complicato, costoso o difficile e sta attirando l’attenzione di sempre più “addetti ai lavori”…

L’Home Staging valorizza l’immobile, migliorandone l’immagine senza interventi strutturali o costi eccessivi.

In un periodo in cui proprietari/costruttori reagiscono proponendo offerte di ogni genere (l’IMU pagato per cinque anni, sconti sulle bollette, arredamento gratuito) sarebbe forse più opportuno praticare le tecniche di Home Staging.

L’Associazione Italiana Home Stager organizza eventi come “Porte Aperte” per – tra gli altri – tutta la Rete Tree Real Estate al fine – dicono – di “riportare gente in ufficio”.

Condividi questo post

Lascia un commento

  • twitter
  • facebook
  • google
  • linkedin
  • rss
  • mail